Accedi al sito
Serve aiuto?

Territorio, arte e cultura

Piancavallo sul Monte Zucchero è il luogo dove si trovava un'antica fornace

Sulle pendici del Monte Zucchero in ocalità Piancavallo, a un km di distanza da Buzzetti si trova una fornace romana per la produzione di laterizi. Il manufatto, databile tra la fine del I secolo a.C. e la prima metà del II sec. d.C. è di tipo verticale a pianta quadrangolare.
Gli scavi hanno portato alla luce una fornace con camera di combustione , composta da due piani, separati da un settore forato sul quale veniva posizionato il materiale da cuocere. La camera inferiore era usata da caldaia, dal corridoio di accesso si metteva il combustibile. La suola forata permetteva ai gas di risalire alla camera superiore destinata alla cottura, fino a fuoriuscire da aperture posizionate nella volta di copertura.

La camera di combustione era completamente interrata, mentre dalla parte alta della collina, attraverso il retro della fornace, si accedeva alla camera di cottura. L'imboccatura del prefurnium era più in basso, a livello del piano campagna con copertura a volta. Il corridoio centrale della camera di combustione è coperto a volta da dieci archetti a tutto sesto, realizzati in mattoni a sezione cuneiforme. 
La pavimentazione è costituita da embrici accostati ricoperti da uno strato di argilla.

 

--------------------------------------------------------------------------------

I mulini

L'attività dei mulini nella media Val Nure

La presenza del torrente Nure è stata di primaria importanza per lo sviluppo del territorioe dei paesi. È grazie alle acque del Nure, che si è sviluppata l’attività molitoria, che a Vigolzone e dintorni è nata in forma artigianale fin dal tardo Medioevo.
L'acqua dei torrenti, convogliata faceva ruotare le ruote che muovevano le macine. Normalmente i mulini erano attrezzati di macine per lavorare sia il grano che gli altri cereali. A Vigolzone però c'erano anche  i mulini dove si lavorava solo il frumento ottenendo perciò farina bianca (MULINO BIANCO)  e il MULINO NERO, dove venivano lavorati tutti gli altri cereali. Nel 1832 erano ben 15 i mulini attivi nel territorio di Vigolzone.

In Val Nure le ruote a pala azionavano anche i magli per la frantumazione dei mineralie la produzione della carta.

 

-------------------------------------------------------------------------------

La cartiera

Ad Albarola sorgeva un’importante cartiera, fondata dalla famiglia Barattieri. Qui si produceva carta filigranata lavorando la corteccia dei gelsi.
A metà Ottocento la produzione di carta era circa di 2 kg al giorno, produzione che cento anni dopo raggiungeva i 500 kg.
La tradizione delle cartiere in questo territorio è testimoniata dalla presenza di libri in carta filigrana qui prodotta, volumi che oggi sono conservati presso la Biblioteca Civica di Piacenza, come il "Corpus Byzantinae historiae" edito a Venezia nel 1722-23.

-------------------------------------------------------------------------------

Parco storico del castello di Grazzano Visconti

Il Parco storico del Castello di Grazzano Visconti fa parte del circuito dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza e dei Grandi Giardini Italiani. E' un parco di 15 ettari, visitabile in alcuni periodi dell'anno con visita guidata.....

--------------------------------------------------------------------------------

Oratorio della madonna di tutte le grazie - Grazzano Visconti

Graziosa cappelletta ideata dal conte Giuseppe Visconti di Modrone. Costruita all'inizio del 1930, fino al 1970 è stata affidata alla cura delle suore canossiane che gestivano anche l'attiguo asilo.
Facciata a capanna in cui si inseriscono elementi dell'arte romanica e gotica (forma della facciata, rosone, e sculture sul portale) ed elementi neomedievali che la integrano perfettamente al contesto.
Da ammirare il portone in legno intagliato in tipico stile grazzanese, riconoscibile dall`intaglio profondo, rappresenta la Madonna in trono con Gesù bambino tra gli angeli, e l`Annunciazione. 
Nell'interno, riccamente decorato, la parte presbiteriale è divisa dal resto della Chiesa da una cancellata in ferro battuto prodotta dai primi fabbri ferrai del borgo. Dietro la cancellata la pala d`altare mostra la Madonna con Gesù bambino affiancata da donne in abito grazzanese che porgono cesti di frutta.
In alto un`arcata gotica introduce il presbiterio, sulla sinistra è dipinta una veduta del Castello e sulla destra una veduta del borgo di Grazzano Visconti.
Sui muri sono appese tavolette lignee intagliate rappresentanti la Via Crucis.

 

 

 

Info Contatti

Agriturismo LE CASCATE
Localita' Calenzano Fondo
29021 - Bettola
Piacenza - Italia
C.F. / P.Iva: 01392540330
Tel: 0523/913501
aziendagricolamontegelato@gmail.com

Social Icons

Social Share