Accedi al sito
Serve aiuto?

le cascate del Perino


COME ARRIVARE:
• da Piacenza si percorre la SS 45 per 29 km (calcolati dalla tangenziale - Galleana) fino a
Perino, si entra nella piazza principale e si svolta a sinistra, sulla strada del passo del Cerro
in direzione di Bettola;
• si prosegue per 6,1 km e ad un bivio si svolta a destra seguendo le indicazioni “Leggio –
Calenzano - Verogna – Cascate Perino”;
• dopo 3,4 km si svolta ancora a destra sulla strada asfaltata che congiunge il passo del Cerro
con Calenzano (cartello bianco “Agriturismo le Cascate”);
• ancora 2,3 km e si attraversa l’abitato di Calenzano, che offre due eccellenti e abbondanti
fontane; 700 metri dopo la strada asfaltata finisce e si parcheggia nel piccolo piazzale
davanti alla chiesa;
• teoricamente è possibile scendere in auto fino a Calenzano Fondo, dove si trova l’agriturismo,
ma non ci sono spazi di parcheggio pubblico.
TOTALE da Piacenza km 42 in circa un’ora

PARTENZA Chiesa di Calenzano, frazione di Bettola (PC) a 703 metri s.l.m.;
LUNGHEZZA COMPLESSIVA 7 km circa;
TEMPO DI PERCORRENZA
(al netto delle soste) 2 ore;
GRADO DI DIFFICOLTA’: escursionistico; qualche belvedere sulle cascate è privo di
protezione e richiede attenzione soprattutto ai bambini;
FONDO: tutto sterrato o sentiero;
SEGNAVIA CAI 155; assente, ma superfluo, in un breve tratto del ritorno;
DISLIVELLO COMPLESSIVO m. 250 (oltre agli accessi al greto del torrente);
PUNTO PIU’ ALTO partenza, 703 m.s.l.m.



Dall’ingresso del parcheggio, proprio di fronte alla chiesa,
a fianco di un pilastrino in mattoni, si imbocca un sentiero
in discesa, con segnavia bianco-rosso del CAI (foto 1), che
porta ad incrociare, dopo 3 minuti, la strada inghiaiata che
scende dalla chiesa, tagliandone un lungo tornante.
La si prende a destra in discesa, fino a Zini e a Calenzano
Fondo (agriturismo). 
590 6’
Si prosegue tenendo la sinistra tra le ultime case sulla
sterrata in discesa (cartello “cascate”); dopo 5’ si tiene la
destra sulla sterrata in discesa, ignorando quella che sale
a sinistra (foto 2); ancora un minuto e si incontra un
evidente cartello in legno che indica, a destra, il vialetto di
accesso alla cascata n. 1, attrezzato con panchine, scalini
e parapetti; 

Si scende fino al greto per ammirare la splendida cascata,
che precipita al centro di una parete concava,
magnificamente stratificata

Risaliti al bivio, si svolta a destra e dopo 5 minuti si
raggiunge il mulino di Riè (foto 4), recentemente
sottoposto a restauri che gli hanno restituito il tetto in
lastre di pietra e messo in sicurezza la ruota (foto 5).
Subito dopo il mulino ci si trova ad un bivio: a destra si
vedono, sugli alberi, i vecchi segnavia del CAI che
guidavano lungo il sentiero 155, alto sul corso del Perino,
fino alla cascata n. 2.
Dal momento, però, che il tratto iniziale del sentiero è
privo di protezioni e ingombro di schegge di pietra e di
sassi franati sul piano di calpestio, peraltro facilmente
aggirabili, questo percorso è ostacolato con una corda
(cartello pericolo).
Una freccia in legno dipinta di bianco e rosso con
indicazione “cascate” apposta su un albero invita invece a
proseguire sulla carrareccia, in salita

Si continua quindi sulla sterrata e, dopo meno di 5 minuti si
incontra un nuovo cartello in legno (foto 7); seguendo le
indicazioni “cascate 2 e 3” si imbocca, a destra, il viottolo
che consente, dopo qualche minuto, di ritornare sul
sentiero CAI 155 che costeggia il torrente; qui si trova un
nuovo cartello che indica, a destra in discesa, il percorso
da compiere per raggiungere la cascata n. 2.
Anche questa è molto suggestiva, e l’impetuoso getto
d’acqua rimbalza tra alti spruzzi, scavando un’ampia cavità
nella roccia alla sua base 


Ritornati al cartello, non si ritorna alla carreggiabile ma,
d’ora in poi, si prosegue sul sentiero CAI seguendo i
segnavia bianco-rossi; dopo pochi passi si incontra, sempre
sulla destra, un belvedere attrezzato con tavolo e panche,
da cui si gode un’eccellente visuale della cascata n.3,
caratterizzata da tre distinti salti .


Dopo un minuto si incontra un’ulteriore deviazione (non
segnalata) che porta sul greto, in bella posizione sopra il
salto superiore della cascata n. 3.
Si ritorna sul sentiero segnato e si continua a destra in
salita.

Si prosegue per altri 2 minuti, quando il sentiero, finora
rimasto ad una certa distanza dal corso d’acqua, si avvicina
fino a sfiorarlo.

Un minuto dopo, occorre fare attenzione perchè, tra gli
alberi sulla destra, un altro cartello bianco-rosso “cascata”
(foto 10) guida ad un verde laghetto, di fronte alla
spettacolare quarta cascata che scende da una profonda
fenditura scavata nella roccia dalla forza della corrente

Si ritorna sul sentiero principale e si prosegue sempre a
destra in salita, seguendo attentamente i segnavia.

Ancora 5 minuti di sforzo e un’altra breve deviazione a
destra (non segnalata e senza protezioni - attenzione)
porta ad un punto molto suggestivo, sopra la cascata
appena vista; qui l’acqua ha scavato la roccia fino a
realizzare una piccola forra, a doppia curvatura come un
toboga, dal quale poi precipita per alcuni metri nella pozza
sottostante 
Dietro front fino al percorso principale.

Si prosegue sul sentiero segnato per un paio di minuti fino
ad un ampia radura a quota m. 670, in pendenza verso
destra, in fondo alla quale si vede tra gli alberi la cascata
superiore, la più alta e spettacolare tra quelle che il Perino
ha scavato in questa gola (foto 13).
Una traccia di sentiero attraverso il prato conduce al
laghetto nel quale il getto d’acqua, alto 17 metri, precipita
dopo aver rasentato un enorme blocco di roccia, proteso
nel vuoto come un eccezionale trampolino.
Ancora una volta si risale al viottolo principale e si
prosegue a destra in salita. 

Tre minuti dopo, alla fine della radura, due grandi querce
indicano il punto in cui si lascia il tracciato CAI, che
prosegue svoltando decisamente a destra verso Verano e
Pradovera, e si imbocca a sinistra un sentiero non segnato
che, in un paio di minuti, porta sulla carrareccia già in
parte percorsa all’andata, che scende da Ravine 

Si prende a sinistra, in discesa, lo stradello e,
dopo 10 minuti di cammino, si ritrova il cartello “cascate 2
e 3”, già utile all’andata; altri 3 minuti e si giunge
nuovamente al mulino di Riè.

Continuando sulla carrabile si percorre, a ritroso,
l’itinerario già compiuto all’andata, lasciando sul tornante a
destra la strada sterrata e camminando sul sentiero che
riporta alla chiesa e all’autovettura.

Info Contatti

Agriturismo LE CASCATE
Localita' Calenzano Fondo
29021 - Bettola
Piacenza - Italia
C.F. / P.Iva: 01392540330
Tel: 0523/913501
aziendagricolamontegelato@gmail.com

Social Icons

Social Share